CASA ALLOGGIO

 

Servizi per dimessi psichiatrici: 

La casa alloggio  “I girasoli di Erika”       Trecchina

 

Il servizio residenziale garantisce una qualificata assistenza che  si esplica  in tutti  gli aspetti  della cura della  persona oltre che del disbrigo di tutte le pratiche amministrative sia in materia previdenziale che assistenziale e sanitaria.

Il fulcro del servizio sono gli ospiti. La cooperativa si impegna a portarlo avanti attraverso l’applicazione puntuale e competente del progetto riabilitativo, oltre che attraverso l’impegno costante di personale competente.

La cooperativa per ogni utente ha predisposto un piano di intervento individualizzato, dove vengono individuati gli obiettivi a breve medio e lungo termine. Attraverso le riunioni di equipe e gli incontri con il responsabile del DSM, questi obiettivi vengono monitorati e tenuti sotto controllo al fine di garantirne sempre l’adeguatezza, misurandone gli effetti.

La casa alloggio offre attività e laboratori interni ed esterni alla struttura al fine di:  foto casa alloggio

  • Favorire il benessere della salute individuale;

  • Sviluppare le capacità personali;

  • Integrarsi con il territorio;

  • Stimolare l’autonomia personale.

Nel mese di gennaio 2010 la nostra cooperativa ha inaugurato la nuova struttura residenziale. I cambiamenti normativi e il desiderio di miglioramento ci hanno costretti infatti, ad abbandonare la   “ Casina Rosa “ nostra sede storica. 

Al fine di preservare l’autonomia e le abitudini di vita degli utenti, la cooperativa ha adeguato una struttura comoda e funzionale disposta su tre livelli in una zona centrale del paese di Trecchina.

La struttura è dotata di molti confort, come una sala TV, sala per laboratori, camere da letto con servizi igienici annessi, linea telefonica e servizio chiamata interna in ogni camera. Naturalmente a queste si aggiungono luoghi e spazi dedicati ai servizi, quali una comoda sala da pranzo, una cucina moderna e adeguata alle leggi vigenti, un’infermeria attrezzata oltre che una lavanderia e servizi igienici assolutamente in linea con le leggi in vigore.

Solo dopo il trasferimento presso la nuova struttura, abbiamo realmente potuto apprezzare lo sforzo fatto, infatti i comfort e le possibilità di crescita e svolgimento delle attività si dipanano davanti ai nostri occhi dandoci impulso e nuovo vigore nell’erogazione del servizio. 

 Assistenza medica: 

Ogni ospite è seguito da un medico convenzionato con l’A.S.L. scelto fra quelli presenti sul territorio. La struttura si cura di tenere rapporti con i servizi socio- sanitari affinché gli ospiti possano effettuare visite specialistiche e fruire di prestazioni preventive, curative e riabilitative.

 Servizio mensa :

Il servizio garantisce la fornitura dei pasti tenendo conto delle esigenze nutrizionali degli ospiti applicando schemi dietologici adeguati, e, dove specifiche patologie lo richiedono, attraverso menù concordati con gli specialisti.

In ogni caso la struttura si impegna a valutare le particolari esigenze degli ospiti. È in uso il manuale previsto dal d. lgs. n. 155/1997 (Sistema e analisi del rischio e controllo dei punti critici sulla produzione alimentare).

 Servizio di pulizia:

Il servizio di pulizia degli ambienti viene svolto da personale interno il quale adotta modalità e standard di sanificazione degli ambienti attraverso prassi definite e prodotti specifici le cui schede tecniche garantiscono il massimo dell’igiene e della sicurezza.

 Servizio lavanderia:

Il servizio di lavanderia e guardaroba è gestito da personale interno il quale si occupa di lavare stirare e riconsegnare sia la biancheria personale che la biancheria della casa. Tutti i capi di vestiario sono opportunamente contrassegnati e quindi gestiti nell’assoluto rispetto della proprietà del cliente/utente. 

 I rapporti con le famiglie:

La cooperativa affida agli assistenti sociali il compito di mantenere i rapporti con le famiglie degli ospiti ove questo sia possibile. Ogni famiglia infatti ha il diritto di partecipare alla vita del proprio caro e , di conseguenza, interagire direttamente con la struttura in merito agli esiti di processo e al miglioramento degli stessi. Al fine di favorire il massimo coinvolgimento delle famiglie, la cooperativa in occasione di festività o compleanni, organizza incontri ed eventi aperti alle famiglie ma anche al territorio.

 Le visite in struttura :

Le visite di parenti e amici degli ospiti possono avvenire liberamente durante la giornata fra le 10,00 e le 20,00. Le visite devono comunque essere previamente concordate con il coordinatore o le assistenti sociali al fine di non interferire con le attività dell’utente e con il funzionamento quotidiano della casa. Gli Operatori presenti in turno sono a disposizione per fornire informazioni di carattere generale. Per informazioni più dettagliate inerenti il percorso progettuale degli Ospiti è necessario fissare, anche telefonicamente, un appuntamento con il Responsabile del Servizio. Di norma, i rapporti con le famiglie le uscite ed i soggiorni temporanei fuori dalla struttura  sono regolati dalle assistenti sociali che supervisionano le attività e ne riferiscono, all’ equipe educativa.

 Attività quotidiane:

Le attività quotidiane sono regolate da una programmazione interna che prevede attività domestiche, attività laboratoriali strutturate, uscite territoriali e visite. Si incoraggia l’ospite alla partecipazione delle attività ricreative, ma sempre come proposta, mai come imposizione; questo è particolarmente importante, al fine di garantire ad ogni utente il senso della quotidianità nella propria casa.

 Il gruppo appartamento “Insieme….”

 

E’ una soluzione rivolta a pazienti con una sufficiente autonomia personale e in una fase avanzata del loro reinserimento sociale.

Si tratta di un intervento residenziale che mira a fornire un sostegno stabile, volta a promuovere il benessere psicofisico del paziente ed il potenziamento delle sue risorse personali e sociali, attraverso la sperimentazione e lo sviluppo dei seguenti elementi fondamentali:

  • La costruzione di uno spazio-tempo da “abitare”;
  • La relazione all’interno del “piccolo gruppo”;
  • Il rapporto all’esterno con la “comunità locale”-

Gli interventi all’interno del Gruppo Appartamento saranno realizzati, a partire dal progetto individuale elaborato insieme al DSM, attraverso lo strumento del programma di riabilitazione psico-sociale, con l’obiettivo di potenziare le competenze sociali del paziente nelle aree:

  • Abitazione;
  • Lavoro;
  • Famglia;
  • Cura personale;
  • Spazio sociale e ricreativo

In riferimento alle cinque aree indicate, il Gruppo Appartamento offrirà, in particolare:

  • Un ambiente confortevole, simile a quello familiare, sia nel clima che nell’arredamento, con la possibilità di spazi individuali;
  • Varie attività di vita domestica che si articolano in ogni aspetto della quotidianità, dalla cura personale, alla pulizia della casa, alla spesa e alla preparazione dei pasti, ecc. Tutte le attività sono, però, graduate con attenzione, sostenute e protette in funzione delle capacità individuali, in base ad un progetto specifico di potenziamento delle autonomie;
  • Un contesto relazionale accogliente e stimolante, che permette la costruzione di legami di amicizia all’interno della casa e della comunità;
  • Molteplici occasioni per una vita ricca dal punto di vista sociale, ricreativo, sportivo, artistico, culturale e spirituale;
  • Progetti individuali specifici di integrazione sociale e lavorativa

 

Nell’ ambito del progetto di recupero e reinserimento mirato ed individualizzato, si potenziano le abilità dell’utente rispetto alle seguenti aree:

  • Cura di sé;
  • Cura del proprio abbigliamento;
  • Cura della propria salute fisica e psichica;
  • Cura della casa e del proprio spazio vitale;
  • Partecipazione attiva nelle attività riabilitative e/o in un’eventuale attività lavorativa;
  • Cura dei rapporti interpersonali;
  • Potenziamento delle altre abilità (gestione del tempo libero, adeguata gestione del denaro, spostamento a piedi o con mezzi di trasporto, uso del telefono, capacità di fare acquisti e commissioni);
    • Fronteggiamento dell’ emergenza.

Gli operatori impegnati nel gruppo appartamento svolgeranno una funzione di “tutoraggio” per un pieno sviluppo dell’ autonomia del disabile. In particolare, si occuperanno:

  • Del controllo dell’ autoassunzione dei farmaci;
  • Del sostegno nel disbrigo delle pratiche burocratiche;
  • Del supporto nell’inserimento in attività sociali fuori casa;
  • Della guida e del sostegno nell’ attività di cura del proprio spazio di vita;
  • Del supporto in tutte le attività esterne;
  • Di ogni altro intervento sia programmato dal DSM